“Self-defence” alla giapponese

spot the dot

Trovate l'intruso!…


Ecco l'ultima novità del sol levante per la difesa personale: la gonna- distributore.
Il concept, sebbene sembri molto eccentrico, prende spunto da una tecnica sfruttata dagli assassini ninja che si servivano di pesanti coperte nere per confondersi nell'oscurità.
Da qui quindi l'idea: una gonna reversibile che ritrae una distributore della Coca-Cola nel lato interno, lasciando all'esterno la parvenza di comune indumento femminile.

Una dimostrazione pratica:


firstsecondthird

 

 

 

 

 

 

La ragazza con indosso la gonna nota un maleintenzionato, trasforma con un gesto la gonna in distributore e si confonde con l'ambiente, scampando all'aggressione.

Come la sua ideatrice, Aya Tsukioka(31) ha commentato: " potrebbe sembrare un pò eccessivo, ma per una giapponese reagire e creare scompiglio sarebbe troppo imbarazzante. Sò che all'estero non potrebbe avere molto suceccesso, ma qui in Giappone potrebbe diventare molto diffuso."

deluxe version

Naturalmente l'idea funziona anche grazie alla quantità esagerata di distributori presenti in ogni via, mercato, stazione o supermercato giapponese. Certamente la carenza di questi "punti ristoro" negli altri paesi non aiuterà l'esportazione di questo capo, come nemmeno il prezzo, 400 dollari l'una.

 

Solo una domanda: E se gli venisse sete?

 

 


Ma la designer non si scoraggia e propone una vera e propria linea di prodotti volti alla difesa personale, come le uniformi scolastihe in materiale simile al Kevral anti-aggressione e una borsetta che si apre a forma di tombino (così da essere poggiata a terra e confusa nella strada, scoraggiando i malfattori).

child bag
sewer-cover bag