I banchieri giapponesi chiedono prudenza sui loro compensi

alt

 

Lo ha chiesto il presidente dell’Associazione bancaria giapponese. Nell’ultimo anno nessun dirigente della banca Sumitomo Mitsui, la seconda più importante del Paese, è stato pagato più di 100 milioni di yen (1,2 milioni di dollari).

«Il livello dei compensi nell’industria finanziaria dovrebbe mantenersi simile a quello degli altri settori economici». Questa dichiarazione non è del rappresentante dell’associazione consumatori giapponese, o di qualche organismo internazionale, ma di Masayuki Oku, presidente dell’Associazione bancaria giapponese. I banchieri del Sol Levante, dunque, chiedono di ridursi i compensi. Il riferimento va soprattutto alle banche considerate troppo grandi per fallire. In pratica la tesi dei banchieri giapponesi è che compensi troppo eccessivi pèotrebbero convincere i dipendenti ad orientarsi verso politiche di business assai rischiose, per massimizzare i profitti nel breve termine.
L’altro aspetto curioso è che il Giappone è forse uno dei pochi paesi che non ha esagerato nei compensi ai manager delle banche. Nell’ultimo anno nessun dirigente della banca Sumitomo Mitsui, la seconda più importante del Giappone, è stato pagato più di 100 milioni di yen (1,2 milioni di dollari). Mentre la media delle remunerazioni accordate ai diciassette top manager dell’americana JPMorgan, nello stesso periodo, è stata di 8,8 milioni.

 

Varese News

Tommaso Rossi

Profilo Facebook | Google + | Twitter