Diritto di voto agli stranieri con residenza permanente

ozawaIchiro Ozawa, forse il vero leader del partito democratico giapponese, ha affermato di essere in favore di un’eventuale legge per garantire diritto di voto agli stranieri con residenza permanente.

Durante la visita di Lee, fratello maggiore del presidente Lee Myung Bak e capo dell’unione dei parlamentari nippo-coreani, Ozawa ha comunicato l’idea di estendere il diritto anche ai Sud Coreani.

{source}
[[script type=”text/javascript”]][[!–
google_ad_client = “pub-8142442480127422”;
/* 468×60, creato 15/09/09 */
google_ad_slot = “5592358009”;
google_ad_width = 468;
google_ad_height = 60;
//–]]

[[/script]]

[[script type=”text/javascript”
src=”http://pagead2.googlesyndication.com/pagead/show_ads.js”]]
[[/script]]

{/source}

“Vorrei porre la questione durante una seduta della Dieta”, facendo capire che intende sentire le varie opinioni dei membri durante la prossima sessione ordinaria.

Il problema è che spesso i Sud Coreani nati da Giapponesi non hanno una residenza, ma un visto speciale che gli permette di vivere e lavorare in Giappone. Se quindi da un lato vengono premiati gli stranieri ormai giapponesi a tutti gli effetti, dall’altro si incoraggiano i coreani a mantenere la loro posizione di eterni non-cittadini.

Fonte: Japan Probe