Uccisa dalla madre una bambina di 3 anni

altYudai Uematsu, 24-enne e senza lavoro, ha ammesso le sue colpe e ha aggiunto: “Non voleva smettere di piangere e non ascoltava mai quello che le dicevamo… cercavano di disciplinarla“.
Questo è l’evento che in Giappone scatenato l’omicidio della bambina. La polizia giapponese ha affermato comunque che la piccola era soggetta ad abusi sin dall’estate e che ci sono stati casi in cui non le veniva dato da mangiare fino a tre giorni di seguito procurandole sofferenze di malnutrizione.
Stando alle investigazioni la bambina è stata colpita a calci e pugni all’inizio di novembre e gli organi interni si sono danneggiati martedì mattina. La donna ha poi chiamato l’ambulanza ma la piccola è deceduta all’ospedale. Il personale dell’ambulanza, notando graffi sul corpo della bambina, ha poi chiamato la polizia.
La polizia non ha arrestato la donna perché sta per partorire il suo terzo bambino.

Tommaso Rossi

Profilo Facebook | Google + | Twitter