Tepco sotto accusa per errore stima radiazioni

alt


Gli errori nei dati sulla radioattività da parte del gestore della centrale nucleare di Fukushima sono stati “assolutamente imperdonabili”. Lo ha detto oggi il portavoce del governo, mentre le operazioni per prevenire una catastrofica fusione nucleare continuano tra le difficoltà.

Gli ingegneri stanno combattendo per tenere sotto controllo i sei reattori del complesso di Fukushima, danneggiato dal terremoto dell’11 marzo e dal successivo tsunami, che hanno causato più di 27.000 tra morti e dispersi.

Esplosioni e perdite radioattive hanno ripetutamente costretto gli ingegneri a sospendere il loro lavoro, con i livelli di radiazioni che hanno superato ieri di 100.000 volte i livelli normali.

La Tepco, società che gestisce l’impianto, aveva invece detto che i livelli erano 10 milioni di volte più alti del normale.

“Da un lato penso che gli operai che lavorano all’impianto siano piuttosto stanchi”, ha detto il capo di gabinetto Yukio Edano ad una conferenza stampa. “Ma i test sulle radiazioni sono fatti per prendere decisioni sulla sicurezza e per questo questi errori sono assolutamente imperdonabili”.

Una fusione parziale delle barre di combustibile all’interno della vasca del reattore è responsabile degli alti livelli radioattivi al reattore numero 2, ha detto Edano.

“Le radiazioni sono principalmente contenute nella struttura di contenimento del reattore. Dobbiamo fare in modo che quest’acqua non esca nel terreno o nel mare”, ha detto Edano.

L’innalzamento dei livelli radioattivi ha comportato una sospensione dei lavori nel reattore durante il weekend; gli esperti ritengono che il Giappone dovrà combattere una lunga battaglia per cercare di contenere la crisi nucleare più pericolosa degli ultimi 25 anni.

 

Tommaso Rossi

Profilo Facebook | Google + | Twitter