Proteste per l’arrivo della portaerei a Yokosuka

L’arrivo della portaerei nucleare statunitense Uss “George Washington” nella sua nuova base giapponese di Yokosuka è stato accolto dalle proteste di centinaia di dimostranti: la polizia nipponica ha evitato incidenti. La Washington – con un equipaggio di 5.600 persone e non grado di trasportare fino a 70 aerei – è la sola portaerei nucleare statunitense di stanza all’estero: sostituirà nell’ambito dell a Settima Flotta la Uss “Kitty Hawk”, a propulsione convenzionale e che verrà radiata. I dimostranti hanno protestato per la pericolosità del reattore nucleare, l’aumento del personale militare e della possibilità che la base di Yokosuka – poco più a sud di Tokyo – diventi un possibile bersaglio in caso di conflitto fra gli Stati Uniti e di un altro Paese.

Tommaso Rossi

Profilo Facebook | Google + | Twitter