La mamma gli butta via Gundam, lui incendia casa e tenta il suicidio

Una ventina di giorni fa’, verso le 2.10 del pomeriggio, la polizia della città di Kasai, nei pressi di Kobe, ha arrestato un operaio di 29 anni, Yoshifumi Takabe, per aver dato fuoco alla propria casa.

Sembra che l’indiziato abbia cosparso la sua stanza di cherosene per poi appiccare il fuoco con un accendino; le fiamme che ne sono conseguite hanno bruciato completamente la casa a due piani, ampia circa 250 metri quadrati e realizzata in parte in legno.

Secondo la polizia, il gesto è stato una rappresaglia nei confronti della madre 55enne, che aveva buttato via i suoi preziosi modellini di Gundam; il trauma sarebbe stato così forte da spingere l’uomo a tentare anche il suicidio.

Gli investigatori rivelano che lo stesso Takabe si era cosparso di cherosene, ma in qualche modo è poi riuscito a scappare dall’incendio senza ferite, così come la madre.

Animeclick

Tommaso Rossi

Profilo Facebook | Google + | Twitter