Inizia oggi a Tokyo il Festival del Cinema italiano

alt

Il Festival del Cinema Italiano di Tokyo (28 aprile/4 maggio 2010) è arrivato al suo decimo anniversario.

L’importante evento che ha luogo nella capitale nipponica durante la Golden Week (la più importante settimana di festività nazionali giapponesi) è diventato ormai un tradizionale appuntamento per il pubblico di appassionati del nostro paese e del nostro cinema.

Quest’anno la selezione, effettuata da Asahi Shimbun e dall’Istituto Italiano di Cultura, comprende dodici film in prima visione giapponese e due omaggi a Marco Bellocchio e Giuseppe Piccioni.

Il Festival, organizzato da Cinecittà Luce S.p.A. con Asahi Shimbun e Istituto Italiano di Cultura, gode dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana e del patrocinio di S.E. l’Ambasciatore d’Italia in Giappone. 

Nel corso di dieci anni questo evento, con più di cento film presentati e almeno trenta titoli che hanno trovato un distributore giapponese, ha riconquistato uno spazio di mercato che sembrava congelato agli anni ’70.

La riuscita del festival è dovuta anche alle specifiche identità degli organizzatori: Asahi Shimbun, colosso editoriale giapponese che accoglie i film e gli autori nella prestigiosa Yurakucho Asahi Hall di Ginza, l’Istituto Italiano di Cultura che, in accordo con le linee guida del Mae e dell’Ambasciata d’Italia, da 10 anni si impegna fortemente per la promozione del cinema italiano in Giappone, investendo in questo settore numerose risorse anche in termini economici.

Cinecittà Luce, infine, organizza il movimento del cinema italiano, dalla selezione per i critici giapponesi (sono stati visti quest’anno più di 60 film), alla delegazione artistica. L’edizione 2010 è rafforzata da una selezione che vede il ritorno di autori ormai cari al pubblico giapponese.

Sette dei film che verranno programmati a Tokyo sono di registi che il festival ha seguito e proposto in questi anni: Alessandro Angelini, Francesca Archibugi, Pupi Avati, Marco Bellocchio, Francesca Comencini, Davide Ferrario, Giuseppe Piccioni. Queste conferme sottolineano il valore positivo dell’esperienza.

E come in ogni edizione non mancano gli esordienti: il Festival lancia in Giappone Susanna Nicchiarelli e Giuseppe Capotondi, oltre a proporre per la prima volta il cinema secondo Fausto Brizzi, Giorgio Diritti e Luca Lucini. Un particolare omaggio verrà riconosciuto a Marco Bellocchio, protagonista indiscusso di questi dieci anni di Festival.

Il suo cinema, infatti, è particolarmente amato dalla critica e dal pubblico giapponesi e tutti i suoi film, da La balia in poi, sono stati presentati nelle varie edizioni del festival trovando quasi sempre un distributore sul territorio. Marco Bellocchio sarà a Tokyo per la presentazione di Vincere insieme a Francesca Calvelli, autrice del montaggio, e il 30 aprile terrà una lezione di cinema indirizzata agli studenti di regia presso la Scuola di Cinema di Tokyo.

Anche quest’anno l’Istituto Italiano di Cultura, nella sua prestigiosa sede, ospiterà l’anteprima e S.E. l’Ambasciatore d’Italia Vincenzo Petrone inaugurerà il festival il 27 aprile con il film Giulia non esce la sera di Giuseppe Piccioni, alla presenza del regista e della Delegazione artistica, accompagnata dal Presidente di Cinecittà Luce, Roberto Cicutto.

Per celebrare questi primi dieci anni del nostro cinema contemporaneo nel Sol Levante, l’Istituto Italiano di Cultura, in accordo con l’Ambasciata d’Italia e in collaborazione con Cinecittà Luce e Rai Trade, ha inoltre programmato una serie di appuntamenti speciali a partire dal 20 aprile fino al 5 maggio, quando verrà presentata per la prima volta anche la fiction Rai Il Commissario Montalbano e, in concomitanza con la festa giapponese dei bambini, il cartone animato Johan Padan a la descoverta delle Americhe di Giulio Cingoli.

La kermesse verrà affiancata dalla mostra Sogni di carta – Paper Dreams: esposizione di 70 manifesti originali dei più celebri film italiani realizzati tra il 1938 e il 1990, aperta all’Istituto di Cultura dal 15 aprile al 7 maggio.

Altra novità di questa X edizione, il Festival del Cinema Italiano si terrà per la prima volta anche ad Osaka con la presentazione di ben 7 dei 12 titoli del calendario di Tokyo nei giorni 7 e 8 maggio, in concomitanza con l’inizio delle attività della nuova sede staccata dell’Istituto di Cultura in questa importante città, nell’ambito del “Progetto Kansai”, promosso dall’Ambasciata d’Italia.

Selezione film

– Alza la testa di Alessandro Angelini

– Gli amici del Bar Margherita di Pupi Avati 

– Cosmonauta di Susanna Nicchiarelli

– La doppia ora di Giuseppe Capotondi

– Ex di Fausto Brizzi

– Giulia non esce la sera di Giuseppe Piccioni

– Questione di cuore di Francesca Archibugi

– Solo un padre di Luca Lucini 

– Lo spazio bianco di Francesca Comencini

– Tutta colpa di Giuda di Davide Ferrario

– L’uomo che verrà di Giorgio Diritti

– Vincere di Marco Bellocchio

Omaggio a Marco Bellocchio e a Giuseppe Piccioni

– L’ora di religione di Marco Bellocchio

– Fuori dal mondo di Giuseppe Piccioni

Delegazione

Roberto Cicutto – Presidente Cinecittà Luce S.p.a.

Pietro Ietto – Direttore Generale Cinecittà Luce S.p.a.

Alessandro Angelini (regista) ALZA LA TESTA

Marco Bellocchio (regista), Francesca Calvelli (montatrice) – VINCERE

Giuseppe Capotondi (regista) – LA DOPPIA ORA

Giorgio Diritti (regista), Simone Bachini (produttore) – L’UOMO CHE VERRA’

Davide Ferrario (regista) – TUTTA COLPA DI GIUDA

Luca Lucini (regista) – SOLO UN PADRE

Susanna Nicchiarelli (regista) – COSMONAUTA

Giuseppe Piccioni (regista) – GIULIA NON ESCE LA SERA


BLOGOSFERA

Tommaso Rossi

Profilo Facebook | Google + | Twitter