Perchè le giapponesi hanno le gambe storte?

gambe storte

Questo è un interrogativo che molto spesso mi viene posto da chi visita il Giappone e bastano infatti poche ore in una grande città giapponese per rendersene conto Ma come mai? Ma soprattutto ci sono o ci fanno?

Partiamo da “quelle che ci sono”: secondo alcune teorie il sedersi con la classica posizione giapponese, detta Seiza, cioè sedendo sulle ginocchia, a cui tutte le bambine sono educate fin da piccole, porta sul lungo periodo ad un erto grado di deformazione delle gambe. In posizione Seiza ci si siede molto spesso, soprattutto nelle cerimonie tradizionali giapponesi come la cerimonia del tè. Non è infrequente comunque, soprattutto nei ristoranti di alto livello dove si può degustare vera cucina giapponese , sedersi in posizione Seiza. La posizione può risultare in effetti scomoda, soprattutto per chi ha qualche problemino alle gambe o alla schiena. Chi vi scrive a dir la verità non riesce a starci più di 15 minuti scarsi.

Passiamo adesso a “chi ci fa”. Ogni cultura ha canoni di bellezza estremamente differenti: in Thailandia la tribù dei Padaung considera simbolo di bellezza per le donne un collo esageratamente lungo ottenuto tramite l’apposizione di anelli, in alcune zone dell‘Africa si inserisce un grande disco dentro alle labbra, in Asia, soprattutto in Cina i piedi piccoli erano simbolo di bellezza e ne era impedita la crescita mediante stretta fasciatura. Niente di così estremo o tribale ma in ogni caso anche in Giappone esistono differenti canoni di bellezza. Avere i denti o le gambe storte non è un difetto da correggere ed è generalmente considerato kawaii (insieme a 美味しい, oishii, buono riferito al cibo, parole decisamente inflazionate in Giappone), pertanto anche se vi sembrerà strano, molto spesso le ragazze giapponesi tendono a camminare o a sedersi accentuando un difetto che di fatto non hanno. Il tutto è stato poi ampiamente pompato dall’industria dell’intrattenimento giapponese (anime, manga, videogames, idol) che dell’ambiguità sessuale e non, ne ha fatto un “marchio di fabbrica” della cultura Pop giapponese nel mondo.

Quindi se un giorno venite in Giappone per piacere o per lavoro, forse adesso avete qualche strumento in più per capire se ci sono o ci fanno :-)!

VIAGGI IN GIAPPONE TUTTO L’ANNO, CLICCA IL BANNER!

Viaggi In Giappone
Viaggi In Giappone

Tommaso Rossi

Profilo Facebook | Google + | Twitter